Oggi è mercoledì 16 Agosto 2017
     
 

Furlanis Elettronica SaS di Furlanis Andrea & C.
Via Gaetano Pellegrini, 20 - 37136 VERONA VR
Tel: +39 045 581711 - Fax: +39 045 581597
E-mail: info@furel.it - Partita IVA: 01889680235

  Home page - Area riservata - Informazioni - Siti consigliati

SICUREZZA: Sta per terminare il supporto a Windows XP!

 
08/04/2014. Microsoft ha fornito supporto per Windows XP negli ultimi 11 anni. Ora è però giunto il momento, per Microsoft e per i suoi partner hardware e software, di investire le risorse disponibili nel supporto di tecnologie più recenti, in modo da continuare a offrire nuove esperienze di qualità. Di conseguenza, dopo l'8 Aprile 2014 il supporto tecnico per Windows XP non sarà più disponibile, inclusi gli aggiornamenti automatici per la sicurezza che ti aiutano a proteggere il tuo PC. Sempre a partire da questa data, Microsoft non consentirà più neanche il download di Microsoft Security Essentials su Windows XP. Se continui a usare Windows XP una volta terminato il supporto, il tuo computer funzionerà comunque, ma potrebbe diventare più vulnerabile ai rischi per la sicurezza e ai virus. Inoltre, poiché il numero di produttori hardware e software che continuano a ottimizzare le loro soluzioni per le versioni più recenti di Windows è in costante aumento, sempre più applicazioni e dispositivi non funzioneranno con Windows XP.
 
 
La giornata di oggi sarà ricordata nella storia della tecnologia.Anticipato da allarmismi e preoccupazioni, oggi è il giorno in cui Microsoft chiuderà ufficialmente il ciclo di vita di Windows Xp, il sistema operativo tutt?ora longevo della storia dell?azienda. Ad annunciarlo è stata la stessa Microsoft, esattamente un anno fa, con un comunicato ufficiale nel quale ha annunciato a tutti gli utenti che, a partire da oggi, chiuderà il supporto al sul OS più diffuso ed amato: ?E? arrivato momento di passare ad un più moderno sistema operativo Windows e modernizzare l?infrastruttura IT?. Partiamo subito da un presupposto: Microsoft non ha sbagliato ad abbandonare il supporto di Windows XP. Le motivazioni della chiusura sono assolutamente in linea con la politica dell?azienda circa la durata del supporto tecnico relativo ai propri prodotti, secondo la quale tutti i sistemi operativi e gli accessori hardware ricevono puntualmente aggiornamenti per un periodo non inferiore ai dieci anni, dopodiché non vengono più assicurati aggiornamenti e supporto tecnico dedicato. Windows XP è ancora il secondo sistema operativo più usato nel bel paese: l?OS ormai in pensione è installato nei computer del 16% degli italiani. Si tratta di una percentuale importante che apre le porte ad uno scenario preoccupante, perfetto per hacker e malintenzionati. Da oggi in poi tutti i vecchi computer che continueranno ad utilizzare il vecchio OS e che si connetteranno alla rete saranno, giorno dopo giorno, sempre più esposti a malware, trojan e virus di ogni genere, che non solo potrebbero compromettere il corretto funzionamento del personal computer, ma potrebbero mettere a rischio tutti i dati personali del proprietario stesso.I problemi non inizieranno oggi. In realtà più si andrà avanti nel tempo più sarà pericoloso non aggiornare il proprio sistema operativo: qualora dovessero essere scoperti problemi di vulnerabilità in Windows XP, l?assenza di futuri aggiornamenti farebbe restare le falle di sicurezza sempre presenti nell?OS.Le conseguenze della chiusura al supporto di Windows XP non influenzeranno solo gli utenti privati. Si stima che in tutto il mondo siano distribuiti più di due milioni di Bancomat, e solo un terzo del 95 percento deli ATM che utilizza Windows XP come sistema operativo è stato aggiornato a Windows 7: si tratta di un dato sconcertante, che metterebbe a serio rischio la sicurezza di tantissimi sistemi di distribuzione automatica delle banconote. Fortunatamente l?azienda di Redmond, per bloccare eventuali tentativi di attacchi informatici , ha sottoscritto un accordo con alcuni dei più importanti istituti bancari, assicurando la distribuzione delle patch di sicurezza per Windows XP fino a quando il processo di aggiornamento non sarà completo. Cosa fare? Il discorso è semplice. Chi ancora utilizza Windows XP dovrebbe valutare seriamente l?abbandono del vecchio sistema operativo, a favore di una versione successiva. Qualora non fosse possibile l?aggiornamento, sarà necessario adottare una serie di misure di sicurezza che non elimineranno del tutto il problema, ma ne diminuiranno sensibilmente il rischio.In effetti, i veri rischi per chi continuerà ad utilizzare il vecchio OS di Microsoft, arriveranno dopo il Patch Day che si terrà il prossimo 13 Maggio. Si tratta dell?appuntamento annuale nel quale sviluppatori ed hacker di tutto il mondo si riuniscono e lavorano sul reverse engineering degli aggiornamenti finora pubblicati dall?azienda, con lo scopo di trovare vulnerabilità e falle di sicurezza. Fortunatamente il 13 Maggio è ancora lontano, e chiunque voglia continuare ad utilizzare Windows XP ha tutto il tempo per mettere in sicurezza il proprio computer, seguendo alcune semplici linee guida che vi saranno spiegate dal vostro consulente IT.