Oggi è mercoledì 13 Dicembre 2017
     
 

Furlanis Elettronica SaS di Furlanis Andrea & C.
Via Gaetano Pellegrini, 20 - 37136 VERONA VR
Tel: +39 045 581711 - Fax: +39 045 581597
E-mail: info@furel.it - Partita IVA: 01889680235

  Home page - Area riservata - Informazioni - Siti consigliati

PRIVACY: Chi spamma rischia il carcere!

 
05/09/2003. Lo dice il Garante per la privacy , che mette in guardia: gli indirizzi di posta elettronica, ovunque reperiti, non sono pubblici, ma privati. Per inviare e-mail pubblicitarie occorre il consenso. Oltre alla galera anche pesanti multe....
 
 
secondo il Garante, infatti, "inviare e-mail pubblicitarie senza il consenso del destinatario è vietato dalla legge. Se questa attività, specie se sistematica, è effettuata a fini di profitto, si viola anche una norma penale e il fatto può essere denunciato all'autorità giudiziaria. Sono previste sanzioni e, nei casi più gravi, la reclusione". La violazione delle normative antispam, secondo il Garante, può portare a condanne fino a 3 anni di reclusione e fino a 90.000 Euro di multa. Va anche detto che fino ad oggi i casi di spam nostrano finiti nel mirino del Garante non hanno portato a pesanti sanzioni nonostante la ferma condanna dello spam più volte pronunciata dall'Ufficio. Vi sono anzi diversi i casi assolutamente clamorosi di iniziative di spam sulle quali l'Ufficio del Garante non si è pronunciato. In caso di condanna, ha sottolineato comunque il Garante, possono essere previste sanzioni accessorie, come la pubblicazione del nome del condannato, il risarcimento dei danni e le spese legali. La notizia è pubblicata su Punto Informatico